venerdì 20 aprile 2018

Un micro successo istruttivo: il presidio a Roma contro la guerra alla Siria organizzato da piccoli sindacati di base




Nel pomeriggio di giovedì 19 aprile, sotto un sole cocente, si è tenuto un presidio contro l' attacco alla Siria di Usa, Francia e Regno Unito. Il sit in era organizzato dal Sindacato Generale di Base. All' iniziativa avevano aderito altri sindacati di base, USI, CUB, SI Cobas, l' Associazione migranti di Roma e Italia Cuba; era presente anche il Partito Comunista, con il suo segretario Marco Rizzo e alcune decine di giovani militanti del Fronte della goventù, la sua federazione giovanile.
Sventolavano inoltre alcune bandiere palestinesi e siriane.




I numerosi giovani che accompagnavano Rizzo, negli anni passati, prima di aderire al Partito Comunista, erano già organizzati nel Fronte della Gioventù e si facevano notare in occasione di manifestazioni soprattutto studentesche per la loro presenza numerosa e disciplinata. Un modo di manifestare più unico che raro negli anni 2.000.

Era presente anche la Rete No War con i cartelli che allego a questo scritto:

“ Schiavitù in Libia
Grazie NATO ! “

,cartello scritto in occasione di una manifestazione di migranti,
e

“ Le bombe Rwm “sarde” dei sauditi
pronte per la Siria “

per ricordare come le bombe del Rwm Italia, fabbricate in Sardegna e vendute ai sauditi, possano essere utilizzate dall' Arabia saudita oltre che sullo Yemen anche sulla Siria, avendo il suo principe ereditario Bin Salman annunciato a Macron la propria disponibilità a compiere raid sulla Siria “se la nostra alleanza lo esige”.



Nella caldissima Piazza Barberini le persone che hanno manifestato erano più numerose del previsto e non hanno confermato i commenti pessimisti sul movimento per la pace che circolano in questi giorni.

Insomma giovedì un buon numero di persone è stato in piazza a manifestare contro la guerra chiamato da organizzazioni relativamente piccole,

e questo mi ha convinto ancor di più che potrebbe esistere anche nel 2018 un movimento per la pace combattivo e visibile, se solo trovasse la maniera di mettere insieme troppi piccoli gruppi frammentati e non collegati tra loro e se riuscisse a comunicare all' opinione pubblica quello che ha da dire, che è molto ed importante.

Scrivo queste righe venerdì nel primo pomeriggio e in questo momento non riesco a trovare sul web nessun traccia di cronache sul presidio di ieri. Di seguito riporto invece una lettera pubblicata questa mattina sul quotidiano il manifesto che spiega proprio come le iniziative esistenti contro la guerra non sono raccontate dall' informazione italiana attuale. Un problema questo però che deve essere affrontato prima di tutto dallo stesso movimento, senza aspettare aiuti da chi talvolta più che disinteresse ha obiettivi contrari ai suoi.

Di seguito la lettera dal manifesto di oggi:

L' informazione e la pace

Alla lettrice che scrive indignata perché non si scende in piazza contro le guerre condotte dagli USA e dai loro alleati europei che stanno insanguinando il mondo faccio notare che sabato 14 aprile si è tenuto a Milano un presidio contro il lancio di missili sulla Siria da parte degli Stati Uniti, Francia e Inghilterra e con il consenso dell' Italia.
Naturalmente l' appuntamento è stato ignorato da tutti gli organi di informazione compresi quelli che si definiscono di sinistra. E sarà la stessa cosa per la manifestazione programmata per sabato 21 aprile a Sigonella.

Moreno Alampi

Come fare allora a ricostruire un movimento contro la guerra con un minimo di consistenza, visibilità ed efficacia ?

Il primo passo è cominciare a parlarne, e ieri pomeriggio ho portato al sit in anche un cartello

“ Per un movimento

indipendente

contro le guerre,

unitario

tra diversi “

Ma il secondo passo necessario è mettere insieme chi lavora separato.

Non so se sarà visibile a breve una aggregazione contro la guerra consistente, sicuramente non saranno visibili le troppe piccole aggregazioni attuali.

Marco P:



mercoledì 18 aprile 2018

La Siria questo mese presiede una commissione ONU sul disarmo delle armi chimiche e nucleari. In spagnolo perchè in Italia la notizia circola poco.

Nell' articolo si parla soprattutto delle proteste di un gruppo "indipendente" che chiede agli Stati Uniti e all' Unione Europea di abbandonare i lavori. Ma la notizia è che per l' ONU la Siria può presiedere una commissione sul disarmo, per la NATO e l' Italia invece è legale bombardarla. L' altra notizia è che in Italia forse solo Agenzianova ha diffuso alcune righe su questa presidenza.
Marco P.
https://www.unwatch.org/siria-presidira-comision-de-la-onu-sobre-desarme-de-armas-quimicas-y-nucleares-grupo-de-monitoreo-pide-ee-uu-y-la-ue-que-abandonen-la-sesion/
GINEBRA, 9 de abril de 2018 – A pesar de las acusaciones de que perpetró otro ataque letal con armas químicas el sábado, Siria presidirá el mes que viene el foro de Naciones Unidas sobre desarme que produjo el tratado que prohibe las armas químicas, provocando pedidos de parte de un grupo independiente de monitoreo para que Estados Unidos, la Unión Europea y el Secretario General, Antonio Guterres protesten, y que sus embajadores abandonen la conferencia durante las cuatro semanas de la presidencia siria.
La Conferencia de Desarme, de la que participen 65 naciones, con sede en Ginebra también ha negociado el Tratado de No Proliferación Nuclear, considerado el pilar de los esfuerzos de desarme, así como la convención contra las armas biológicas.
“Tener al régimen sirio de Bashar al-Assad presidiendo sobre temas de desarme de armas químicas y nucleares es como poner a un violador como encargado de un refugio para mujeres,” dijo Hillel Neuer, director ejecutivo de United Nations Watch, la ONG con sede en Ginebra. El grupo activista anunció que pretende organizar eventos en protesta a las fueras del recinto de la ONU, invitando a sirios que han sido víctimas de los ataques con armas químicas de su gobierno.
“El uso documentado de armas químicas por parte del régimen de Assad sigue siendo la mayor violación a la Convención sobre Armas Químicas en los veinte años de historia del tratado,” dijo Neuer. “Exhortamos a la ONU a que entienda que, en un momento en el que Siria está gaseando a sus propios hombres, mujeres y niños hasta la muerte, ver a Siria liderando el órgano mundial que se supone que protege a estas víctimas será simplemente un shock para la consciencia humana,” dijo Neuer.
Bajo las reglas de la ONU, el embajador de Siria ante el foro, Hussam Edin Aala, ayudará a organizar el trabajo de la conferencia y asistirá en el armado de la agenda. El señor Aala ejercerá todas las funciones del oficial que preside y representará al organismo en sus relaciones con los Estados, la Asamblea General y otros órganos de la ONU, y con otras organizaciones internacionales. Si bien el puesto es más que nada una formalidad, “Que Siria tenga el martillo del presidente socavará seriamente la credibilidad de la ONU, y enviará el peor mensaje posible,” dijo Neuer.
“United Nations Watch exhorta a EE.UU., Reino Unido, Francia, Alemania y a todos los otros miembros y observadores a que se rehusen a enviar a sus embajadores a cualquier reunión del foro presidida por Siria. “EE.UU. y Canadá se retiraroncuando Irán fue presidente en 2013, y deberían hacerlo de nuevo.
Lo que debería hacer el Secretario General Guterres
El Secretario General de la ONU probablemente dirá que el puesto es meramente el resultado de la rotación automática, y que el asunto solo puede ser tratado por los Estados miembros,
Aun así, las acciones adoptadas por otros altos funcionarios de la ONU prueban que él sí puede pronunciarse. Cuando Siria fue electo al Comité de Derechos Humanos de UNESCO en 2013, la líder de ese órgano de la ONU se pronunció públicamente para decir que esa elección estuvo mal. “Considerando los eventos en Siria, la directora general no ve como este país puede contribuir al trabajo de los comités.”
Según Neuer, “los precedentes demuestran que los funcionarios de la ONU pueden actuar como la voz moral del mundo cuando un comité de la ONU toma una decisión obscena que solo manchará la reputación de la ONU en su totalidad.”
Él predijo intentos de parte de la ONU para minimizar lo que él describe como “un conflicto fundamental de intereses”, tener a Siria como presidente de un foro de desarme, “un hecho que será explotado por la propaganda siria, como lo han hecho con otras elecciones de la ONU, que legitiman al cruel régimen de Assad.”
“A un país que viola flagrantemente la convención sobre armas químicas, y que fue reportado ante el Consejo de Seguridad de la ONU por la Agencia Internacional de Energía Atómica por su construcción encubierta de un reactor nuclear que violabael Tratado de No Proliferación, se le debería prohibir ocupar cualquier posición formal en organismos de la ONU que traten con temas tan vitales como el desarme de armas biológicas, químicas y nucleares,” dijo Neuer.
“El régimen de Assad simplemente no puede ser un presidente creíble de este ni de ningún órgano de la ONU. El uso por parte de Sirias de armas químicas y su búsqueda ilegal por obtener armas nucleares, en violación de sus obligaciones de desarme, van en contra de los objetivos y principios fundamentales de la Conferencia de Desarme. La presidencia de Siria solo socavará la integridad de tanto el marco de desarme como de las Naciones Unidas, y ningún país debería apoyar eso.”
Siria asumirá la presidencia de la Conferencia de Desarme el 28 de mayo y permanecerá en el carga durante cuatro semanas, hasta el 24 de junio.
Sobre la Conferencia de Desarme
La Conferencia de Desarme le reporta a la Asamblea General de la ONU y fue establecida por la ONU como “el único foro de negociación sobre desarme multilateral para la comunidad internacional”.
Establecida en 1979 después de una sesión especial de la Asamblea General, la Conferencia de Desarme está compuesta por 65 países que han estado divididos en temas clave durante los últimos años.
La conferencia y sus predecesores han negociado algunos de los más importantes acuerdos multilaterales de limitación de armamento y desarme:
  • Tratado de No Proliferación de Armas Nucleares.
  • Convención sobre la Prohibición de Desarrollo, Producción y Almacenamiento de Armas Bacteriológicas y Toxínicas y sobre su Destrucción.
  • Convención sobre la Prohibición de Desarrollo, Producción, el Almacenamiento y el Empleo de Armas Químicas y sobre su Destrucción.
  • Convención sobre la Prohibición de Utilizar Técnicas de Modificación Ambiental con Fines Militares u Otros Fines Hostiles.
  • Tratado de Prohibición Completa de los Ensayos Nucleares.

lunedì 16 aprile 2018

Attacco alla Siria: in Italia limitata l'opposizione contro la guerra, occorre una risposta unitaria e chiara




I nostri umori, purtroppo, risentono troppo del modo in cui i media ci raccontano le cose del mondo.
Anche gli umori di chi condivide un' opinione contraria alla guerra.

Così,

dopo l' allarme per un possibile inizio di guerra occidentale alla Siria,

una volta visto come i missili di Trump, Macron e May siano stati una parte infinitesima della guerra che in sette anni ha distrutto una vita decente per il popolo siriano, ucciso 500.000 persone, reso invalidi sicuramente più di un milione di cittadini siriani,

“ gli italiani contrari alle guerre occidentali ” sono tornati alle loro occupazioni abituali e ai loro interessi prioritari.

Oggi sul Corriere della Sera a pag. 6 un titolo a tutta pagina per un piccolo articolo che riporta solo l' opinione di Sinistra Italiana:

“La sinistra spiazzata mette in soffitta lo spirito pacifista”

Fratoianni: La Siria ? Si fatica a capire chi è il cattivo
Cento: Il movimento non sa più condizionare

Ma ben in evidenza in prima troviamo

una grande foto di una bambina “ sopravvissuta all' attacco chimico”.

Potere al Popolo ha fatto un comunicato unitario ma va in ordine sparso e discutibile:

il Prc in piazza con la Rete della Pace della CGIL, Arci e altro associazionismo

Sinistra anticapitalista posta nel gruppo facebook di Potere al Popolo:

“Contro la guerra imperialista in Siria

con il popolo siriano contro Assad”

Al sit in di Milano sembra non ci fosse traccia di presenza visibile di Potere al Popolo

Intanto il “barbaro” e sicuramente razzista Salvini dice invece cose giuste “Pazzesco il bombardamento” citando fonti competenti, l' analista militare GianAndrea Gaiani, e al Senato per la Lega interviene l' economista anti euro Bagnai.

No, l' attacco della passata settimana non è stato, come ha scritto Contropiano, un attacco alla Siria con il freno tirato.

I gruppi armati anti Assad in sette anni ci hanno provato in molte occasioni ma non erano mai riusciti a far muovere ufficialmente le armi occidentali contro Assad, se non 59 missili USA nell' aprile 2017, ma da ora in poi è iniziata una fase diversa e l' azione militare diretta occidentale si ripeterà se ci saranno altre occasioni, come hanno affermato chiaramente Francia, USA, Gran Bretagna.

Ebbene , non fate finta di non saperlo e di non capirlo:

gli ambienti anti Assad probabilmente stanno già preparando nuove provocazioni ed Israele è felice di poter approfittare della situazione per togliere attenzione a questo mese per lei “caldissimo”e per trovare alleati contro l' Iran.

Ed allora:

occorre una risposta unitaria contro l' attacco occidentale alla Siria.

Nella crisi dell' agosto 2013 ci provammo e mentre questa risposta unitaria nasceva e si organizzava, Russia, papa Francesco e il parlamento del Regno Unito, fermarono l' intervento militare USA e europeo.

Ora siamo tutti presi da mille problemi,

ma, insieme, cioè noi che ci opponiamo alla guerra occidentale alla Siria, dobbiamo manifestare la nostra opinione e la nostra presenza nel paese.

Marco Palombo





venerdì 13 aprile 2018

2004, Falluja: Gen.Mattis, oggi "Ministro" Difesa USA, usò armi chimiche.....


Di seguito un articolo del blog Sollevazione del 2010, in occasione della nomina di Mattis a capo del Comando Centrale delle Forze Armate americane effettuata dal Presidente Obama.

Marco

«L'uomo che il presidente americano ha scelto al posto di Petraeus per guidare il CentCom, il Comando Centrale delle Forze armate americane a Tampa, in Florida piace a tutti, a sinistra e a destra, ai politici e ai militari, ad analisti e commentatori. Si chiama James Mattis.» [Il Sole24Ore, 10 luglio]


Nell'aprile del 2004, ad un anno dall'invasione, in Iraq la Resistenza infliggeva colpi pesanti agli eserciti occupanti. Interi quartieri di Baghdad, come molte zone della provincia di al-Anbar erano in mano agli insorti. L'epicentro della guerriglia era la città liberata di Falluja, pochi chilometri ad ovest della capitale.
Fu proprio nell'aprile che i comandi americani decisero si sferrare un'offensiva per occupare la città. Essa fallì miseramente. La Resistenza respinse gli attaccanti, infliggendo loro notevoli perdite. Falluja diventò il simbolo della guerra di liberazione, della sua avanzata della sua forza.

Ma gli americani, ritiratisi con la coda tra le gambe promisero una spietata vendetta. Annunciarono ai quattro venti che di li a poco avrebbero tentato di riprendersi la città, questa volta ricorrendo ad ogni mezzo possibile. Puntuale, nel novembre 2004, venne la vendetta. A capo degli assalitori c'era un vero a proprio Rambo, il generale James Mattis, che per la maniera nazista con cui espugnò la città e sterminò i guerriglieri, verrà soprannominato appunto "il macellaio di Falluja". Il Macellaio non aveva annunciato una vendetta furiosa a caso: doveva terrorizzare gli abitanti, provocare, come in effetti avvenne, il loro esodo. Ad ottobre la città era già accerchiata de decine di migliaia di soldati americani. Appositi varchi  vennero lasciati aperti per facilitare l'esodo che altro non era se non una deportazione in stile nazi-sionista (i comandi americani in quest'occasione non negarono di aver utilizzato le tattiche dell'esercito israeliano).


Quando l'esercito al comando di Mattis scatenò l'offensiva di novembre (denominata "Operation Phantom Fury"), Falluja era una città fantasma, presidiata da circa 2/3 mila guerriglieri, alcuni dei quali volontari islamisti giunti dall'estero. Scottati dalla sconfitta di Aprile gli americani ricorsero ad ogni mezzo, anzitutto ad un numero esorbitante di soldati (15/20 mila), ai bombardamenti a tappeto, all'uso di bombe al fosforo bianco, al  martellamento giorno e notte dell'artiglieria. Interi quartieri vennero quasi rasi al suolo. Solo dopo i marines entrarono nella città, lottando strada per strada ( ne verranno uccisi circa 500), e compiendo crimini inenarrabili contro i guerriglieri ai qualim del resto, gli americani non riconoscono lo status di combattenti. Falluja fu cinta per un mese da un rigido cordone sanitario, a nessun giornalista fu permesso vedere cosa stesse accadendo. Solo successivamente si saprà dei metodi sanguinari usati dal Macellaio, i quali gli valsero l'encomio di Bush.

Mattis non ha perso occasione per difendere i metodi usati a Falluja e in Iraq. Egli si è vantato a più riprese che non ha alcuna pietà, non solo per i "terroristi" ma neppure per i civili, i quali possono perire per effetto collaterale. Nel 2005, di ritorno dall'Afghanistan (dove ha dato personalmente l'ordine di bombare diversi villaggi nell'est del paese dove trovarono la morte civili, anzituto bambini), raccontò a San Diego di "provare piacere nello sparare  alla gente che per cinque anni è andata in giro a schiaffeggiare le donne soltanto perché non portavano il velo". Mattis aggiunse "questi fondamentalisti in realtà non appartengono al genere umano, per cui sparargli è davvero divertente". Giustificò infine la decisione cinica di corrompere e stipendiare decine di migliaia di guerriglieri iracheni allo scopo di combattere al-Qaeda con queste parole: "Siamo un paese che ha armato Stalin per sconfiggere Hitler, possiamo benissimo lavorare con i nemici di al-Qaeda per sconfiggere al-Qaeda". Famosa un'altra frase, la più classica delle americanate, che egli ama dire ai suoi marines: "Sono venuto in pace (sic!). Non ho portato l'artiglieria. ma, con le lacrime agli occhi, vi giuro che se provate a fottermi vi ucciderò tutti".

mercoledì 11 aprile 2018

ListaNoNato: "I missili arriveranno". Muoviamoci ! Fermiamoli ! Denunciamo gli assassini e i loro complici.



Questo appello è stato proposto sulla mailing list ListaNoNato ed aveva già raccolto consensi. Io lo diffondo subito ritenendo che sia condiviso da tutti o quasi  e che sia importante fare circolare subito prese di posizione e inviti alla mobilitazione contro interventi militari occidentali contro la Siria.

Marco P.

"I missili arriveranno !". Muoviamoci ! Fermiamoli ! Denunciamo gli assassini e i loro complici.

ListaNoNato


Gli Usa, il Regno Unito, la Francia, Israele, con la Nato al seguito, stanno minacciando e, a quanto pare, preparando un attacco alla Siria, Stato arabo laico, democratico e socialista  ancora in piedi dopo 7 anni di aggressione e massacri, attacco che inevitabilmente coinvolgerà i suoi alleati, russi, iraniani e Hezbollah e non potrà non provocare reazioni e  culminare in una catastrofe planetaria, addirittura nucleare.

Coloro che promettono di attaccare sulla base di un’evidente macchinazione provocatoria, come quella dell’ennesimo presunto uso di armi chimiche a Ghouta da parte di Assad, proprio nel momento di una sua decisiva vittoria sul mercenariato jihadista, sono gli stessi che hanno trascinato il mondo in guerra dopo guerra sulla base di bugie, falsità, inganni, come le armi di distruzione di massa di Saddam, la responsabilità per l’11 settembre dell’Afghanistan, i bombardamenti sul proprio popolo di Gheddafi e Assad. Procedono alla distruzione e sottomissione di qualsiasi elemento statuale non allineato, causando milioni di morti innocenti e inenarrabili devastazioni. Ognuna di queste operazioni costituisce un crimine contro l’umanità.

Oltre al martirizzato popolo siriano, oggi è a rischio l’intera umanità per il fanatismo bellico e la frenesia di potere e ricchezza dei dirigenti di una minoranza che pretende di definirsi “comunità internazionale”, rappresentandone non più del 17%. Di fronte a questa corsa verso il suicidio planetario siamo finora rimasti attoniti e passivi. Se non è ora il momento per sollevarsi in massa, senza distinzione di ideologie e posizioni geopolitiche, riprendendo il filo di una lotta contro gli sterminatori, i profittatori di guerre e genocidi, gli schiavisti di un’economia che per affermarsi travolge popoli, nazioni, pezzi di mondo, domani non lo è più di certo.

Muoviamoci, organizziamoci, ribelliamoci, denunciamogli assassini e i loro complici. Assediamoli! Fermiamoli! Ne va della vita.

Lista NoNato

Per adesioni di associazioni o persone singole, scrivere a Comitatononato@gmail.com

martedì 10 aprile 2018

Bombe sulla Siria. Macron e Trump promettono di andare oltre Obama e Hollande. Proviamo a fermarli ?



Comunicato della Rete No War del 30 agosto 2013, quando era imminente un intervento militare occidentale in Siria che poi non avvenne. Il 31 agosto 2013 però Hollande aveva già dato l' ordine ai suoi caccia bombardieri di colpire la Siria. L' ordine fu revocato a poche ore dall' inizio delle operazioni. Ora Macron, Trump, la Gran Bretagna e Israele sembrano molto più determinati a intervenire in Siria, soprattutto perché la crisi generale mondiale, economica e politica, si è molto aggravata.

Proviamo a muoverci anche questa volta ? Proviamo a fermarli ? L' intervento militare occidentale nel 2013 sembrava più sicuro di quanto appare ora. Provare a fare qualcosa è necessario.

Marco

APPELLO 
Stati Uniti, in prima linea, e la Francia hanno annunciato un loro imminente intervento militare contro la Siria che sarebbe effettuato con bombardamenti da mezzi militari navali ed aerei già presenti nella zona. L’ azione preventivata è gravissima e comporta inoltre moltissimi rischi di innescare conflitti armati ancora più catastrofici in Siria e in tutto il Medio Oriente.

L’ annunciato bombardamento in Siria delle tre potenze occidentali è stato giustificato con un presunto attacco con armi chimiche compiuto il 21 agosto dal governo siriano contro l' opposizione armata, una azione che avrebbe colpito e ucciso anche centinaia di civili.

A giugno gli Stati Uniti avevano usato lo stesso argomento, prove di uso di armi chimiche da parte dell’ esercito siriano, per giustificare la loro fornitura di materiale bellico ai gruppi armati che combattono il governo di Assad.
Gli scopi di questa iniziativa militare sono stati indicati in modo poco comprensibile. Si è parlato soprattutto di una punizione contro il governo siriano per l’uso di gas letali, una “rappresaglia” (parola usata più volte) per impedire che si ripetano in futuro episodi analoghi.

LA RETE NO WAR INVITA REALTÀ ORGANIZZATE E SINGOLI CITTADINI AD UN'ASSEMBLEA PUBBLICA
PER DISCUTERE COME PORTARE AVANTI UN IMPEGNO COMUNE PER:
  •  impedire l 'intervento militare annunciato, che potrebbe essere l’ inizio di una vera e propria guerra di questi paesi contro la Siria;
  • favorire una tregua immediata in tutto il paese e la cessazione della violenze;
  • favorire una soluzione negoziata e pacifica alla crisi siriana che ponga fine alla cruenta guerra in corso;
  •  alleviare le attuali pesantissime condizioni di vita dei siriani. chiedendo l'annullamento delle sanzioni dell' Unione Europea, aiuti a quanto rimane in piedi dell' economia siriana, e sostegno ai profughi di cui si deve favorire il rientro.

L’ IMPEGNO CONTRO LA GUERRA È ANCHE UN IMPEGNO CONTRO LA CRISI.
Chiedendo a tutti di impegnarsi contro la intervento militare in Siria, sottolineiamo come una nuova guerra aggraverebbe la già difficile situazione economica del nostro paese e come la crisi economica attuale sia dovuta anche alle numerose, catastrofiche e costosissime guerre degli ultimi venti anni e alla pretesa di risolvere sempre i problemi con la forza, spesso militare, invece che con cambiamenti economici, sociali, politici, culturali.
Logo Rete NoWar-Roma
30 agosto 2013
Rete NoWar-Roma
nowar@gmx.com

domenica 8 aprile 2018

8 aprile-Armi chimiche, nuova accusa alla Siria, ricordate o rivedete gli episodi passati.........


Domenica mattina i media, Tg e siti web, aprono su 70 morti per attacco chimico in Siria.
In questo momento conosco dell' episodio solo quanto riportano i titoli dell' informazione alle 10 e 30 di domenica.

Leggendo o ascoltando le notizie su questo nuovo presunto attacco chimico compiuto dal governo siriano però:

- Ricordiamo che non è la prima volta che vengono diffuse accuse simili al governo siriano e molte altre volte queste accuse si sono rivelate infondate

- Controlliamo le fonti delle notizie

- Prendiamo in considerazione anche le dichiarazioni del governo siriano e della Russia che è implicitamente attaccata anch' essa da questa denuncia

- Ricordiamo che queste denunce avvengono sempre quando l' opposizione armata al governo siriano è in difficoltà o sono imminenti negoziati